mercoledì 13 gennaio 2010

Q rancorosa

Io ogni tanto sono un po' esagerata, okeeey .
Me la lego al dito un po' troppo spesso per sciocchezzuole (dimostrato dal Rompicazzo-mode), okkkey.
Però la mia professoressa di Latino e Greco del Liceo non potrò mai dimenticarla fino a quando non la metterò erronamente sotto con la mia adorata Smart-Sasha.
Perchè quella maledetta donnaccia ha segnato con incubi terribili tutta la mia quinta ginnasio.
Ricordo ancora con orrore il giorno in cui (dopo essermi sbattuta di brutto il pomeriggio prima a fare la versione di greco e a studiare tutto quello che non avevo studiato fino a quel momento... sì, la mia media in greco era probabilmente la più bassa della storia) mi sono offerta per l'interrogazione.
Ho recitato da brava la mia versione cercando di ricordarmi tutti i possibili ed infami termini che si celavano in quelle venti fottutissime righe, ero presumibilmente tachicardica e iperventilata allo stesso tempo, dall'agitazione sudavo anche dalle palle degli occhi... mi perdonerete quindi se (in un breve momento in cui il mio cervello ha rischiato l'ictus) ho tradotto in modo errato un periodo. Accidenti a me.
Detto questo, l'infame squillo di cui sopra, pesca un nome a caso dall'elenco per correggere il mio funesto errore...egguardaunpo'chessuccede...la persona estratta non ha fatto la versione di compito.
Uuuuuuhhhhhh, quale affronto, quale abominio, quale vergogna, orrore e traggedia.
L'onta e il disonore si abbattano su di te, studentessa con la media dell'8, se un giorno non hai fatto la versione!!!
Così, dall'alto del suo metro e quaranta, la lucciola di infimo borgo, decide di dare un tre a matita alla studentessa-disonorevole e di concederle un giorno per farsi interrogare e recuperarlo.

Ma torniamo a me.
Io nel frattempo stavo sudando sangue e non mi ero mangiata le unghie, no, mavà, a quel punto rosicchiavo l'osso del gomito.
Il supplizio (fortunatamente) sembra finire pochi minuti dopo e io attendo trepidante il mio voto (considerate che un sei mi sarebbe bastato per salvare la faccia).
E così, l'immane vacca, annuncia la valutazione:
<< Mi dispiace Q , ma la versione non era tradotta bene. Io più di tre non posso darti.
Mi dispiace ma con una media così bassa io non ti interrogo più, perchè tanto è inutile...>>


..............................
..................................................
................................................................
.
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................
.................................................................

Q: COOOOSAAAAAA??????
*Corredato dai occhi fuori dalle orbite inniettati di sangue e fumo dalle orecchie*

Ma mi sono trattenuta.
Dopo l'urlo iniziale, con l'occhietto lucido e la faccia da "se solo potessi avvicinare le mie mani al tuo collo" mi sono limitata a sbattere i pugni sul tavolo e a borbottare qualche frasetta tremolante (tra cui un velato Vaffanculostronza).

Ma nella mia mente.
In quel momento.
Si stava svolgendo la stessa scena.
Con un finale molto diverso.


Dopo l'affermazione <<Mi dispiace Q...>> io, dotata di forza sovraumana causata dall'eccessiva affluenza di adrenalina nel sangue, spicco un agile balzo sulla cattedra spezzandola in due parti.
Quindi afferro la piccola testa della professoressa e comincio a sbatterla con rabbia contro il muro.
Dopodichè, la getto dall'altra parte della classe, ed estraggo una lunga mannaia arrugginita dalla tasca.
Mi avvicino quindi con fare rilassato e, ignorando le grida di aiuto e le suppliche di pietà, mi abbasso verso il suo corpicino inerme e con un colpo netto e preciso le apro il petto in due distinte metà.
Fatto questo estraggo a mani nude il cuore, ancora pulsante, e lo sollevo voltandomi verso la classe con fare vittorioso.
Segue boato di grida entusiaste con applausi e successiva incoronazione a regina del mondo per averlo liberato da una persona così inutile.


Detto questo, finire sotto la mia macchina, per quella lurida troia, sarebbe un destino assai meno tragico.

3 commenti:

  1. ma che grandissima puttanazza!

    beh beh, quando io ripenso a tali stronzissime prof, mi consolo pensando che io ho un ragazzo, degli amici, una squadra di calcio, una vita sociale e sono sostanzialmente giovane e felice. Loro no. Loro sono frustrate, vecchie e inacidite. E questo pensiero mi basta per gongolarmi dall'alto della mia superiorità, con tanto di sopracciglio alzato!

    RispondiElimina
  2. Solo una parola... MIIIIIINCHIA!
    A morte tutti 'sti professori frustati del cazzo! 
    Ne capita sempre uno in ogni classe, in ogni scuola, in ogni parte del mondo!
    Mannateveneunpoaffanculo va!

    Per la cronaca: terza, quarta e QUINTA con i debiti di filosofia e storia!
    Per fortuna mi sono diplomata anni fa; ora non sarei sopravvissuta!

    Un bacio e tutto il mio sostegno!

    RispondiElimina
  3. Lasciamo stare valà! Era un'infima donnetta alta un metro e una vigorsol, frustrata, con un pessimo taglio di capelli e un perenne sorrisetto. Mi viene l'orticaria solo al pensiero.
    Spero bruci all'inferno.... roar!

    RispondiElimina