lunedì 8 marzo 2010

Amabile Q



La Q non è solo cattiva e antipatica. La Q ogni tanto è gentile.
E questo anche per quanto riguarda le critiche acide e sprezzanti sui film che non sono stati di mio gradimento.
Infatti oggi sono cambiata.
Oggi mi sento buona e vi racconterò di un bel film che ho visto ieri.
Proprio perchè vi consiglio di vederlo non vi spoilerizzerò la trama ma vi darò solo qualche dritta per godervelo a pieno.
Il film è Amabili resti, tratto dal romanzo di Alice Sebold con il medesimo titolo.
Diciamo che la trama non è propriamente lieta; si parla infatti di Susie, una ragazzina di quattordici anni, che un giorno viene violentata e uccisa da un vicino di casa. Ok, per ora sembra una roba da martellate nelle balle, e invece no amici miei. Perchè in questo caso la storia è narrata dal punto di vista di Susie che, rinchiusa nel suo mondo perfetto a metà tra terra e cielo, vede i suoi familiari e i suoi amici che vanno avanti dopo la sua morte. Ovviamente il fulcro del tutto è il tentativo del padre di scoprire chi ha ucciso sua figlia.
Vi dirò... non avevo particolari aspettative su questo filmettolo, e invece l'ho molto, molto apprezzato. 

Consiglio... guardatelo un giorno che vi sentite  felizi e rilassati e soprattutto preparate già di fazzolettini.
Smack, pulcini.

2 commenti:

  1. Ne avevo sentito parlare poco tempo fa.
    La ragazzina è la stessa di "Espiazione", se non sbaglio, vero?

    RispondiElimina
  2. Al cinema è rimasto poco, attenderò il DVD per riuscire a vederlo...

    Hai mai visto Dead Like Me?
    E' un telefilm che inizia con la morte della protagonista... anche se alla tristezza della sua situazione intervallano momenti più divertenti e leggeri...

    Q

    RispondiElimina