sabato 13 novembre 2010

Incongruenze


*Ogni riferimento a persone e fatti reali è puramente casuale*



Mettiamo che ci siano due soggetti maschili: Soggetto E e Soggetto F.
Entrambi si rapportano con la medesima persona e ne traggono le seguenti conclusioni.

FATTO UNO: la telefonata

Soggetto E: E' strano stare al telefono con te, perchè sei sempre poco loquace. Se ti dico "di che colore è quella pianta" tu rispondi "verde!" non argomenti neanche un po'. Per quello ti chiedo se ti annoio...

Soggetto F: E' che stare al telefono con te è faticoso. Parli un sacco, dopo un po' è naturale che mi distraggo e non ti ascolto, ma non è perchè non mi interessa.

FATTO DUE: gli insulti affettuosi

Soggetto F: Cavoli con te non si può mai scherzare. Sei permalosa, te la prendi per tutto...

Soggetto E: Mi piace scherzare con te perchè ridi sempre e rispondi a tono.

FATTO TRE: le attività serali

Soggetto E: Mi diverto ad uscire con te perchè siamo simili: ci divertiamo ovunque.

Soggetto F: Eh, uscire con te è difficile. Non ti piace fare niente di quello che piace a me...

(E qui, mi permetto di aggiungere, che forse.......... il problema non sono io!!!!!!!!)

Ora, ditemi voi... strano, no? Mi domando dove sia il problema. Se il soggetto con cui E ed F si rapportano è il medesimo, forse è uno dei due ad essere un gran cagacazzo che vede problemi negli altri solo perchè è troppo fiero di se stesso per ammettere le sue difficoltà nei rapporti personali.
Ma dopotutto questo è solo frutto della mia fantasia. Nulla si riferisce a persone reali che sono, sono state o saranno mai parte della mia vita.
Chiaro, no????



2 commenti:

  1. FATTO QUATTRO: le vacanze:
    Soggetto F: dopo due settimane trascorse con un allegro gruppo di coetanei, il nostro eroe ne esce come se nulla fosse. Non un amico, non un contatto, non un ricordo da condividere. Uniche parole scambiate:
    "Ehm (dovrebbe essere un risolino)! Mi presti mica gli occhialini?"

    Soggetto E: dopo un fine settimana in compagnia dello stesso allegro gruppo di coetanei, conosce a memoria i compleanni di tutti, i nomi di genitori, fratelli e nonni, nonchè i gusti di ogni singolo elemento, cosa che lo porta ad organizzare le prossime serate, proponendo cose superfighe che tutti accoglono con gioia, perchè non vedono l'ora di rivederlo.
    Ah... è già prenotato come testimone di nozze. Di tutti ovviamente

    RispondiElimina
  2. Il soggetto E, ringrazia! :P

    RispondiElimina