giovedì 2 dicembre 2010

Mavafff


Oggi ho deciso di fare una cosa carina e simpatica.
Di introdurre il mio calendario dell'avvento personale sul mio blog.
Dunque mi concederò 10 mintui al giorno nei quali scrivere qualche stupidaggine natalosa o no e di pubblicarla sul mio blog (o magari anche solo un'immaginetta significativa).


Oggi, 2 dicembre 2010... tuttavia... sono incazzata come una iena!
Essì! Perchè oggi tutti hanno davvero fatto di tutto per farmi girare i coglioni.
Ma partiamo dal principio, prego.




In primis, mentre si stava parlando di università e di esami, mi sento dire di "piantarla" perchè tanto non vado a spaccare le pietre in miniera e lavoro su turni. Spiego meglio. Stavo rendendo partecipi alcune persone della mia preoccupazione universitaria riguardo la laurea ad aprile. Aimè mi mancano 3 esami (3 esami, 4 appelli, nulla di drammatico) se non fosse che il 15 dicembre comincio a lavorare e, lavorando per il comune di Milano, io ancora adesso non so quando, come, perchè è per come. La cosa mi preoccupa un goccino; ONTA E DISONORE si sono abbattute su di me quando mi sono permessa di manifestare la mia preoccupazione a due persone che malauguratamente hanno due esami in più di me.



Scusate. Non lo farò mai più!



La chicca della conversazione che mi ha lasciato basita è stato sentirmi colpevolizzare perchè negli ultimi cinque mesi pare io abbia avuto una botta di culo mostruosa (ed è vero, non lo nego) sotto l'aspetto sentimentale/lavorativo. Tralasciamo...

Dopo questa lieta novella mi metto a studiare e vengo disturbata circa cinque minuti fa da quell'individuo orribilmente fastidioso che si aggira (ancora alla veneranda età di 31 anni) a casa mia; noto più comunemente come sorella maggiore. Mi sono permessa (come ho potuto?) di mettermi a studiare in quella che -ribadisco- è camera NOSTRA e non sua. Il fatto che mia sorella sia egoista, insopportabile ed estremamente incompatibile con la mia personalità, mi ha costretto tempo addietro a mettere le radici in salotto, ma non significa che la camera sia solo sua. (Visto che, fino a prova contraria, lì c'è ancora il mio letto).
Dunque ero lì, tranquilla e beata, che ripetevo la mia adorata guerra di secessiona Americana quand'ecco che Lei apre la porta sbattendola e - strano ma vero - comincia a sbuffare.
Cosa ci fai qui? Vieni a incasinare tutto! *Nota bene: io ero Seduta alla scrivania, con un libro davanti che ripetevo ad alta voce. Cosa stavo incasinando? (?!?)*
Mi sono dunque permessa di chiederlo.
Apriti cielo.
Ha cominciato a sbraitare manco le avessi dato fuoco al letto.
Io a quel punto, insulti gratis Ok, ma non vi aspettate che io stia muta e silenziosa a prendermeli, le ho manifestato il mio disappunto a causa della sua presenza fastidiosa e mi sono domandata ad alta voce come diavolo faccia lei ad avere un fidanzato e degli amici. Visto che se io avessi un'amica così, l'avrei già mandata a cagare da un pezzo (o forse direttamente tramortita con una pala e chiusa nel bagagliaio di un auto che avrei poi gettato nell'idroscalo).
Echepalle!
Ma voi avete presente cos'è la G E N T I L E Z Z A?
Ve l'hanno mai insegnata?
Perchè a me spiace se tu hai 2 esami in più di me da dare, ma io sono gentile quando tu mi parli delle tue problematiche di qualunque genere, mentre al contrario io devo sentirmi dire di "piantarla". Se anche pensi che la tua situazione sia peggiore della mia, puoi farmelo notare in altro modo. Oppure non farmelo notare per niente. Puoi semplicemente ascoltare quello che ho da dire e rassicurarmi (oppure no, libera scelta), dicendomi poi, che tu stai messa peggio di me. Ma c'è modo e modo... io almeno farei così.
E c'è anche modo e modo di far presente ad una persona che hai avuto una pessima giornata e che hai mal di testa. A me magari non frega niente che tu sia fisicamente indisposta, ma questo non ti da alcun diritto di incazzarti e insultarmi senza alcun motivo valido! Chepalle!
Quando uno ha una brutta giornata, ok, può essere più scontroso, ma non con persone che non hanno nulla a che vedere con ciò. Anche a me succede di essere acida (come in questo momento), ma quando una persona che non c'entra nulla con il mio acidume mi chiede qualcosa, io cerco di moderarmi, perchè altrimenti nulla vieta all'altra persona di rispondermi con un sonoro vaffanculo.
Ecco... che ppppalle.



5 commenti:

  1. Le persone che se la prendono con te perchè sono arrabbiate per fatti loro sono quelle che proprio non sopporto :) Ti capisco... Che brutto essere incompatibili tra sorelle :( Io sono figlia unica e ogni tanto mi dico che mi piacerebbe se ci fosse qualcuno :) Ma sai... sto bene anche così xD Buona fortuna per gli esami.

    RispondiElimina
  2. Se trovi qualcuno che è davvero interessato ai tuoi problemi quando anche lui ne ha e non vuole ostentarlo con vittimismi e presunte superiorità fammi un fischio. Ormai ci si è abituati a guardaro solo quello che concerne il nostro orticello. Posso solo dirti di provare a rilassarti, prova con la cioccolata, a quanto pare funziona.

    RispondiElimina
  3. * soprattutto genEtile. Sìsì.

    RispondiElimina

  4. oh, basta: io STIMO questo blog.
     e.. beh, ovviamente stare seduti con un libro davanti crea dei danni incredibili, sa. probabilmente hitler aveva cominciato così u_ù

    xD

    RispondiElimina
  5. e beh...d'altronde quel termine così sonoro ogni tanto è più che legittimo!!!

    RispondiElimina