lunedì 21 marzo 2011

Angry Q


Avete presente quella rabbia cieca, nera, furiosa che vi annebbia il cervello e che vi fa pensare il peggio della persona (o delle persone) che ve l'hanno causata?
Quella che fa piangere dal nervoso, la stessa che fa diventare roventi le orecchie e che vi fa stringere lo stomaco.
Quella rabbia che vi rende furiosi ma allo stesso tempo tristi, che vi fa venir voglia di pestare i piedi, di fare i capricci, di frignare senza motivo e di rispondere male a tutti.
Ecco, QUELLA! Ce l'avete presente?
No, perchè io è da sabato mattina che alterno momenti di assoluta normalità a momenti di furia cieca nei confronti di una o più persone.
Il motivo per cui mi sto logorando le viscere da tre giorni è ovviamente una stupidaggine, una minchiata colossale, qualcosa di assolutamente idiota... eppure. Se una persona normale, probabilmente, non si sarebbe scomposta più di tanto, a me ha fatto uscire il fumo dagli occhi. Mi ha reso triste, stupida, capricciosa, lagnosa, noiosa, fastidiosa e pesantemente pesante.
Mi si è annebbiato il cervello a furia di pensieri malsani, di domande idiote e di pippe mentali. E' così fastidiosamente fastidioso.
E sapete qual'è la cosa più fastidiosa di tutto?
Che non riesco a darmi una spiegazione.
Se la cosa è scema, perchè mi sento così?
"Ci sono rimasta male."
"Mi ha dato fastidio."
ecc...
Sì, ma perchè? E soprattutto, perchè così tanto?
Boh. Io questo ancora non l'ho capito.
Uffff.

1 commento:

  1. uh, dev'essere stato qualcuno di importante per te se ti ha ridotto in questo stato. mi spiace davvero. 
    comunque è una sensazione da cui imparare qualcosa, una di quelle forti e pungenti che ti fanno sentire irrimediabilmente viva. forse dirò una cazzata - oh, sì, molto probabilmente - ma...
    ...goditela (:

    RispondiElimina