domenica 29 aprile 2012

Vacanzamia portami via

Ultimamente, negli ultimi tre anni temo, non sono stata fortunata con le vacanze.
Estate 2010: bivacco a Milano perché il progetto vacanze salta in aria.
Estate 2011: nonostante il mio impegno lavorativo, le mance per la laurea, e la mia insistenza nel "dai amici andiamo a Formentera", nessuno mi caga e andiamo a San Sebastian. Che sempre mare è... ma il mare e i 18 gradi non rientrano nella mia vacanza tipo.
Estate 2012: dopo aver scartato Formentera e le Isole Cicladi finalmente si giunge ad una meta che non mi dispiace, il Salento. Ci accordiamo con amici che già hanno deciso e ci annunciano le date: dall'11 al 18 agosto. Il +1 aveva preso le ferie per le ultime due settimane di agosto (così tutto costava un po' meno) ma poco male. In Salento abbiamo chi ci ospita e quindi ci cambia davvero poco. Così il +1 cambia le ferie e noi, gioiosi, pensiamo Evviva! Abbiamo capito cosa faremo quest'estate.
Illusi.
L'altra sera, così per caso, si chiacchiera con i compagni di viaggio. E... oplà, salta fuori che...
Eh, noi andiamo dal 4 all'11 in Salento.
Ah, non lo sapevate? 
Eh, ma io pensavo che ve l'avesse detto lui. 
Io pensavo ve lo dicesse lei. 
Io pensavo che... 
Io invece che... ecc...

Quindi, fondamentalmente, in un gruppo di sei persone intelligenti, nessuno ha avuto la scintilla cerebrale di informare me e il +1 (che ripeto, aveva spostato le ferie apposta) che forse le date erano cambiate.
No, ma non vi preoccupate.
Che volete che succeda?
Eh, succede che il +1 ormai le ferie non le può più cambiare. Ecco cosa succede.
Succede che quest'anno, le vacanze, al 95% me le sogno. Perché non ho dei soldi, nè un lavoro, nè degli amici che pensano di doverti informare quando cambiano il periodo delle vacanze se tu hai annunciato da tempo che andrai con loro.
Sarà una cazzata, sarà che il mare mi piace e mi è sempre piaciuto, sarà che sono pallida e mi piace avere un colore normale almeno un mese all'anno, sarà che andare in vacanza mi rilassa e mi fa stare serena per qualche giorno, sarà quel che sarà, ma questa volta ci sono rimasta male.
Mi piace andare in vacanza.
Mi piace fare la doccia con la pelle bruciacchiata dal sole.
Mi piace spalmarmi di doposole.
Mi piace il profumo di salsedine.
Mi piace camminare sulla sabbia.
Che dire. Mi piacciono queste cose.
Ed è da non so quanti anni che non me le godo più come dovrei. Come una Vacanza vera. Con la V maiuscola. Forse un po' mi mancano. O forse sono solo triste perché il mio progetto per l'estate è andato in fumo, e a questo punto, forse avrei preferito non averne nessuno dal principio. Uf.

4 commenti:

  1. e se partiste tu e il +1 da soli? oppure mal che vada...vieni da me e ti ospito io! non è il Salento, ma è pur sempre mare pugliese! ;)

    RispondiElimina
  2. Pensavo la stessa cosa..andatevene da qualche parte voi due soli...e che gli amici si f....riggano! :-)

    RispondiElimina
  3. Eh, ci avevamo pensato in effetti. Ma visto che ha due settimane di ferie preferivamo farci qualche giorno da soli e il resto in compagnia. Giusto per non annoiarci.
    Ora vedremo come e se si risolverà la situazione. Anche se al momento sono un po' scazzata e la voglia di organizzare altro è sotto i piedi. :)

    RispondiElimina
  4. mmmmm...cambiare amici?
    http://complicazionisentimentali.blogspot.it/

    RispondiElimina